Archivio completo

Comunicati Stampa 16 Dicembre 2022

I media delle crisi

Prosegue l’accelerazione del paradigma biomediatico. Crescono ancora gli utenti di internet, smartphone e tv via web. L’80,9% dei più giovani usa Instagram, il 54,5% TikTok, il 51,8% Spotify, Twitter invece va giù. Tornano a diminuire i lettori di libri (-0,9%). E non si ferma il boom della spesa delle famiglie per i dispositivi digitali: 7,9 miliardi di euro nell’ultimo anno (+572% dal 2007)

Roma, 16 dicembre 2022 – Forte rialzo della tv via internet. Nel 2022 la fruizione della televisione rimane pressoché stabile: la guarda complessivamente il 95,1% degli italiani. Ma la percentuale dell’utenza è il saldo tra la contrazione del numero di telespettatori della tv tradizionale (il...[...]

Comunicati Stampa 12 Dicembre 2022

Casa: gli italiani, un popolo di proprietari

Per il 92% degli italiani la casa è un rifugio sicuro e il 54% vorrebbe aiutare figli o nipoti ad acquistarla, perché l’immobile di proprietà resta la pietra angolare della sicurezza economica e esistenziale. L’87% vive in spazi adeguati e confortevoli. Ma il 76% denuncia gli alti costi di gestione delle abitazioni (bollette, condominio) e secondo il 72% il fisco è troppo penalizzante

Roma, 12 dicembre 2022 – Gli italiani, un popolo di proprietari. Il 70,8% delle famiglie italiane è proprietario della casa in cui vive (e il 28,0% di queste è proprietario di altri immobili), l’8,7% gode della casa in usufrutto o a titolo gratuito, il 20,5% vive in affitto. L’Italia è uno dei...[...]

Comunicati Stampa 2 Dicembre 2022

L’Italia post-populista e malinconica

I grandi eventi della storia hanno fatto irruzione nelle microstorie delle vite individuali: il 61% degli italiani teme che possa scoppiare il terzo conflitto mondiale, il 59% il ricorso alla bomba atomica, il 58% che l’Italia entri in guerra. Con l’ingresso in una nuova età dei rischi, emerge una rinnovata domanda di prospettive di benessere e si levano autentiche istanze di equità, non più liquidabili come «populiste». Quella del 2022 non è una Italia sull’orlo di una crisi di nervi: si cerca una profilassi per l’immunizzazione dai pericoli correnti. Ma i meccanismi proiettivi, che spingevano le persone a fare sacrifici per essere migliori, adesso risultano inceppati e la società indulge alla malinconia. Tra de-globalizzazione e prove di friend-shoring all’italiana: il riposizionamento latente del sistema economico

Roma, 2 dicembre 2022 – L’Italia post-populista. La società italiana entra nel ciclo del post-populismo. Alle vulnerabilità economiche e sociali strutturali, di lungo periodo, si aggiungono adesso gli effetti deleteri delle quattro crisi sovrapposte dell’ultimo triennio: la pandemia perdurante, la...[...]