Archivio completo

Comunicati Stampa 21 Ottobre 2020

Università: sono aumentati gli iscritti, ma non abbastanza per colmare il gap con l’Europa

Italia penultima in Europa per numero di giovani con un titolo di studio terziario. Ma l’istruzione deve tornare a essere la molla della mobilità sociale. Il capitale umano come possibile ambito di azione per un’uscita resiliente dall’attuale fase emergenziale. Continua, con il terzo rapporto Agi-Censis dedicato al mondo dell’università, lo studio della reazione del nostro Paese davanti alla pandemia

Roma, 21 ottobre 2020 – Sebbene fino all’anno scorso gli immatricolati abbiano ripreso a crescere, resta molto da fare per colmare il gap che ci separa dai grandi Paesi europei. Servirebbero, infatti, 7.000 immatricolati in più ogni anno per essere in linea con la media europea. Il sistema...[...]

Comunicati Stampa 19 Ottobre 2020

Contraffazione: a Pesaro e Urbino il lavoro di squadra vince sul commercio di merce falsa

Nella provincia 841 sequestri dal 2008 a oggi e più di 82mila prodotti contraffatti sottratti al mercato del falso. Ma il fenomeno si trasforma: è sempre più «liquido», ora serve il coinvolgimento dei cittadini

Pesaro, 19 ottobre 2020 - Dal 2008 a oggi la Guardia di Finanza ha effettuato nel territorio della provincia di Pesaro e Urbino 841 operazioni che hanno portato al sequestro di 82.664 articoli falsi. Si tratta per la gran parte di abbigliamento (il 53,2% della merce confiscata) e di accessori (il...[...]

Comunicati Stampa 15 Ottobre 2020

Italiani impauriti, ma pronti alla seconda ondata: 8 su 10 favorevoli all’obbligo della mascherina ovunque

L’84% si dichiara pronto alla nuova emergenza. Per il 66% è pronta la propria Regione, per il 55% il Governo, per il 63% dei lavoratori la propria azienda. Effetto Covid sul lavoro: più stress, più fatica, più complicato conciliare lavoro, famiglia e tempo libero. Ma non è così per gli smart worker

Roma, 15 ottobre 2020 – O mascherina o multa, anche sul lavoro: gli italiani dicono sì. Gli italiani d’accordo con l’obbligo della mascherina da indossare ovunque sono l’80% del totale (il dato sale all’86% tra le donne). Più favorevoli al Centro (85,6%) e al Sud (83,1%), meno al Nord-Ovest (78%) e...[...]

Comunicati Stampa 30 Settembre 2020

Effetto Covid-19 sulla comunicazione d’impresa: voce della comunità aziendale, che non lascia da soli i lavoratori

Durante il lockdown 9 lavoratori su 10 sono stati raggiunti dalla comunicazione aziendale. Il 62% ne ha apprezzato i messaggi, perché trasmettevano sentimenti positivi in un momento di grande disorientamento. Upgrade del ruolo dei comunicatori: per il 73% è aumentato il loro coinvolgimento nelle decisioni aziendali

Roma, 30 settembre 2020 – Durante il lockdown il 93,2% dei lavoratori italiani ha letto, ascoltato, guardato messaggi delle aziende sui diversi media: i ringraziamenti pubblici ai propri collaboratori per l’impegno profuso, le iniziative benefiche e di solidarietà, le raccomandazioni per adottare...[...]

Comunicati Stampa 13 Luglio 2020

La Classifica Censis delle Università italiane (edizione 2020/2021)

Il nuovo ranking annuale degli atenei statali e non statali in base a strutture disponibili, servizi erogati, borse di studio, livello di internazionalizzazione, comunicazione e occupabilità. Disponibili anche le classifiche della didattica delle lauree triennali, dei corsi a ciclo unico e delle magistrali biennali secondo la progressione di carriera degli studenti e i rapporti internazionali

Roma, 13 luglio 2020 – La nuova Classifica Censis delle Università italiane. Anche quest’anno sono disponibili le classifiche delle università italiane elaborate dal Censis e diventate ormai un appuntamento annuale a supporto dell’orientamento di migliaia di studenti pronti a intraprendere la...[...]

Comunicati Stampa 9 Luglio 2020

Italiani impauriti, boom del risparmio: l’aumento di liquidità nel lockdown vale quanto il Mes

Il 68% dei cittadini ha paura per la situazione economica familiare. Vince la cautela. Anche se le entrate del 71% dei percettori di reddito non sono state intaccate. La metà non comprerebbe titoli di Stato, il 52% guarda con interesse a strumenti finanziari di investimento responsabile. Per il 40% dei consulenti finanziari la clientela è vigile sulle opportunità di investimento

Roma, 9 luglio 2020 – La diversity in finanza conta molto, anche nel post Covid-19. Il 40,3% degli italiani preferirebbe investire in un’azienda o in fondi di investimento guidati da donne. E il 39,9% sceglierebbe un consulente finanziario donna. Spicca il fatto che tra le donne le quote che optano...[...]

Comunicati Stampa 4 Luglio 2020

Paura e smartworking frenano i consumi

Tre quarti degli italiani sono convinti che la crisi economica causata dall’epidemia sarà più grave della recessione del 2008 e della crisi del debito sovrano. Per il 38% le condizioni della propria famiglia peggioreranno e il 15% degli occupati teme di perdere il lavoro. Solo il 19% promuove le misure del Governo. Consumi giù (-6,4% nel primo trimestre), risparmio cautelativo su (+4,5%)

Roma, 4 luglio 2020 – Il 15% degli occupati teme di perdere il lavoro. Gli italiani hanno già deciso che l’impatto dell’epidemia sull’economia nazionale sarà superiore a quello della recessione globale del 2008-2009 e della successiva crisi del debito sovrano del 2011-2012. Lo pensa il 73% dei...[...]

Comunicati Stampa 9 Giugno 2020

Scuola: studenti esclusi dalla didattica in 9 istituti su 10

Buona volontà e impegno degli insegnanti non bastano ad assicurare l’inclusione nei processi educativi di tutti gli studenti. Solo nell’11% delle scuole tutti i ragazzi sono stati coinvolti nella didattica a distanza, e solo l’1% degli istituti non ha dovuto fornire attrezzature hardware

Roma, 9 giugno 2020 – Tra le mille difficoltà, nell’emergenza Covid-19 la scuola è andata avanti soprattutto grazie all’impegno personale delle diverse figure coinvolte. Il 98% dei dirigenti scolastici ritiene che gli studenti abbiano dimostrato di avere spirito di adattamento e di collaborazione...[...]

Comunicati Stampa 5 Giugno 2020

Sanità: per 9 italiani su 10 servono più infermieri per un Servizio sanitario migliore

Il 92,7% è convinto che con più infermieri la sanità migliorerà. E il 91,4% approva l’introduzione della figura dell’infermiere di famiglia e di comunità. Ne occorrono 57.000 in più per potenziare la sanità in modo omogeneo in tutto il Paese

Roma, 5 giugno 2020 – Più infermieri per una sanità migliore: gli italiani dicono sì. Il 92,7% degli italiani (con punte fino del 94,3% nel Nord-Est e del 95,2% tra i laureati) ritiene positivo potenziare il numero e il ruolo degli infermieri nel Servizio sanitario nazionale. Il 41,9% al fine di...[...]

Comunicati Stampa 25 Maggio 2020

Aibe Instant Survey - Covid 19

Moderato deflusso di capitali dall’Italia e ripresa delle attività produttive entro l’anno; opportunità per fondi e aziende estere di estendere il controllo sul made in Italy. Sì a iniziative di condivisione del debito (Eurobond), ma insieme ad altri strumenti e nessun pregiudizio all’impiego del Mes. Guido Rosa:«è il momento di rivedere le regole di concorrenza europee per creare campioni continentali» .

Questo, in sintesi, il risultato della prima «Instant Survey» condotta da Aibe (Associazione Italiana delle Banche Estere), con la collaborazione del Censis, per sondare l’opinione sulle misure economiche e di contenimento prese dal Governo a seguito della pandemia e confrontarsi sugli elementi che...[...]