Archivio completo

Comunicati Stampa 4 Dicembre 2020

Il sistema-Italia? Una ruota quadrata che non gira

Nell’anno della paura nera l’epidemia ha squarciato il velo sulle nostre vulnerabilità strutturali: il re è nudo! E ha vinto la logica «meglio sudditi che morti». Nelle vite a sovranità limitata degli italiani si è radicata la bonus economy: trasferiti in media 2.000 euro a testa a un quarto della popolazione. Intanto si ingrossa il lago della liquidità precauzionale: +41,6 miliardi in sei mesi, così le famiglie si immunizzano dai rischi. Molti i destini personali deviati: mai così profonda la frattura tra i garantiti e i non garantiti, i quali ora temono la discesa agli inferi della disoccupazione. A pagare il conto soprattutto giovani e donne: per loro già persi quasi 500.000 posti di lavoro. Cosa resterà dopo lo stato d’eccezione? Solo il 13% è pronto a tornare a rischiare aprendo un’impresa. Tra antichi risentimenti e nuove inquietudini, ora spuntano i favorevoli alla pena di morte: a sorpresa sono il 44% degli italiani

Roma, 4 dicembre 2020 – Il sistema-Italia? Una ruota quadrata che non gira. Il sistema-Italia è una ruota quadrata che non gira: avanza a fatica, suddividendo ogni rotazione in quattro unità, con un disumano sforzo per ogni quarto di giro compiuto, tra pesanti tonfi e tentennamenti. Mai lo si era...[...]

Comunicati Stampa 4 Dicembre 2020

Nella giravolta della storia, dal geniale fervore del Paese può traspirare il nuovo

Serve però un’azione sistemica. Le priorità: nuovo schema fiscale, ridisegno del sistema industriale, questione settentrionale, terzo settore

Roma, 4 dicembre 2020 – L’avanzare della storia incontra a volte curve drammatiche e inaspettate che mutano radicalmente i paesaggi del vivere, individuale e collettivo. Nella giravolta della storia, la dimensione sociale cessa di essere un luogo da vivere nel quotidiano impegno di ciascuno e si...[...]

Comunicati Stampa 3 Dicembre 2020

Aibe Instant Survey Covid-19

Indice sintetico di attrattività Aibe Index a 44,4: +3,5% sul 2019. Moderato deflusso di capitali dall’Italia in attesa delle conseguenze della seconda ondata Covid-19. Le misure di sostegno del Governo hanno comprato tempo, ma non hanno risolto il problema della crisi economica. Positivo il giudizio sulle iniziative a tutela delle aziende made in Italy. Priorità per la ripresa: puntare su digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo

Milano, 3 dicembre 2020 – Gli investitori esteri scommettono sul new normal. Due parole che sintetizzano le risposte fornite dal panel degli intervistati alla seconda rilevazione 2020, realizzata da Aibe con la collaborazione del Censis, per sondare l’opinione sulla situazione economica e di...[...]

Comunicati Stampa 23 Novembre 2020

I benestanti: fotografia della classe agiata, risorsa inaspettata per la rinascita post-epidemia

Hanno un patrimonio finanziario di 1.150 miliardi di euro. Il 75% è disposto a sostenere la ripartenza dirottando i propri capitali nell’economia reale, solo il 18% teme una patrimoniale. E la metà degli italiani è favorevole a introdurre vantaggi fiscali per chi fa investimenti

Milano, 23 novembre 2020 – Fotografia della classe agiata, risorsa inaspettata per la rinascita post-epidemia. Sono 1,5 milioni di persone e detengono un patrimonio finanziario complessivo di 1.150 miliardi di euro, aumentato del 5,2% negli ultimi due anni: una cifra pari a tre quarti del Pil del...[...]

Comunicati Stampa 12 Novembre 2020

460.000 piccole imprese a rischio chiusura

Strage annunciata tra i piccoli: già oggi fatturato dimezzato per 370.000 microimprese, 415.000 in crisi di liquidità. L’allarme dei commercialisti: basta cattiva burocrazia o moriranno

Roma, 12 novembre 2020 – Piccole imprese a rischio decimazione. Sono 460.000 le piccole imprese italiane (con meno di 10 addetti e sotto i 500.000 euro di fatturato) a rischio chiusura a causa dell’epidemia: sono l’11,5% del totale e nel 2021 potrebbero non esserci più. È in gioco un fatturato...[...]

Comunicati Stampa 27 Ottobre 2020

Deadline Natale per la tenuta psicologica degli italiani

Un eventuale lockdown nel periodo delle feste brucerebbe 25 miliardi di euro di spesa delle famiglie. Se crollano i consumi, crolla l’Italia

Milano, 27 ottobre 2020 – Deadline Natale. La metà degli italiani è disposta ad accettare i rigori della seconda ondata dell’epidemia solo perché è convinta che a breve arriverà una cura risolutiva o il vaccino. Lo dicono soprattutto i residenti del Sud (il 55,2% rispetto alla media nazionale del...[...]