Archivio completo

Barometro Censis-Commercialisti sull’andamento dell’economia italiana

In qualità di professionisti che condividono la quotidianità delle imprese, grandi e piccole, e delle famiglie, i commercialisti rappresentano il più sensibile sensore dell’economia reale nel nostro Paese. Partendo dalla ricognizione delle loro opinioni e valutazioni, lo studio rappresenta un’«operazione verità» sulla situazione attuale e sulle prospettive future dell’economia italiana: un punto di vista inedito, autorevole e ineludibile per chi oggi deve misurarsi con problemi e opportunità del sistema economico italiano.

Gli italiani e la ricchezza

Affidarsi al futuro, ripartire dalle infrastrutture

Il 2° Rapporto Aipb-Censis fotografa qual è oggi il sentiment degli italiani nei confronti della ricchezza: il rapporto che hanno con i soldi, i propri soldi e i soldi altrui, in particolare quelli dei benestanti. In che modo i patrimoni privati possono giovare allo sviluppo economico del Paese? La ricerca presenta poi il punto di vista effettivo degli italiani sul tema delle infrastrutture: se e quali reputano strategiche, come andrebbero finanziate, quali rischi vi associano e cosa vorrebbero cambiasse nei processi decisionali e di governance. Uno straordinario spaccato delle vere idee degli italiani sul valore reale delle infrastrutture.

3° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale

Il welfare aziendale e la tecno-disuguaglianza attesa nel lavoro

Quanto è diventato importante il welfare aziendale per i lavoratori italiani? E quale ruolo può avere nel prossimo futuro, tenuto conto degli effetti attesi della nuova rivoluzione digitale, della robotica e dell’intelligenza artificiale? Davvero il futuro sarà solo meno lavoro, meno reddito e minori tutele, oppure una strada alternativa, anche grazie al contributo del welfare aziendale, è possibile? Ecco alcuni dei temi chiave trattati nel 3° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale.

 

Sintesi del 53° Rapporto Censis

Giunto alla 53ª edizione, il Rapporto Censis interpreta i più significativi fenomeni socio-economici del Paese nella fase di eccezionale trasformazione che stiamo vivendo da un decennio. Le Considerazioni generali introducono il Rapporto descrivendo le piastre di sostegno, i soggetti e i processi per arginare la deriva verso il basso. Nella seconda parte, La società italiana al 2019, vengono affrontati i temi di maggiore interesse emersi nel corso dell’anno in una società ansiosa macerata dalla sfiducia: la solitaria difesa di se stessi degli italiani ‒ esito del furore di vivere e di stratagemmi individuali per difendersi dalla scomparsa del futuro ‒, le responsabilità collettive eluse, ma anche i grumi di nuovo sviluppo. Nella terza e quarta parte si presentano le analisi per settori: la formazione, il lavoro e la rappresentanza, il welfare e la sanità, il territorio e le reti, i soggetti e i processi economici, i media e la comunicazione, la sicurezza e la cittadinanza.