Gli atenei non statali

Stabile nelle diverse classi dimensionali la classifica degli atenei non statali. Tra i grandi atenei (oltre 10.000 iscritti) è in prima posizione anche quest’anno l’Università Bocconi (96,2 punti), seguita dall’Università Cattolica (80,2 punti). Tra i medi (da 5.000 a 10.000 iscritti) è la Luiss a collocarsi in prima posizione, con un punteggio pari a 94,2, seguita dalla Lumsa (85,8 punti), mentre lo Iulm continua a collocarsi al terzo posto (81,0). Chiude la classifica di questo raggruppamento l’Università Suor Orsola Benincasa (72,8) Tra i piccoli (fino a 5.000 iscritti), più numerosi, la Libera Università di Bolzano continua a occupare il vertice della classifica (con un punteggio di 101,0), seguita in seconda posizione dall’Università di Roma Europea (91,2) e da Liuc-Università Cattaneo (86,8), stabile in terza posizione. Si registra, inoltre, un cambio di posizione tra l’Università San Raffaele che avanza in sesta posizione (80,6) facendo retrocedere in settima l’Università della Valle d’Aosta (77,8). Chiudono la graduatoria, l’Università Lum Jean Monnet, in ultima posizione, preceduta dall’Università di Enna Kore, non più appartenente, diversamente dagli anni passati, al gruppo dei medi atenei non statali.