Vivere con l’emicrania

Eventi

Vivere con l’emicrania

Dalla sottovalutazione al condizionamento esistenziale

Il Censis ha realizzato un’indagine sulla condizione delle persone che soffrono di emicrania, con particolare riferimento all’impatto che la malattia esercita sulla loro condizione esistenziale ed i costi sociali che comporta. In particolare si è deciso di dare importanza al punto di vista del paziente, al fine di verificare l’atteggiamento di chi soffre di emicrania, l’informazione sulla patologia ed i comportamenti assunti, dove spesso è rilevante l’autocura, insieme alle modalità con cui si instaura l’eventuale rapporto con i professionisti della salute (dal medico di medicina generale allo specialista), il sistema delle cure e le conseguenze sulla qualità della vita.

programma

Presenta la ricerca

Ketty Vaccaro

Responsabile dell’Area Welfare e Salute del Censis

Ne discutono

Elio Agostoni

Direttore della Struttura complessa di Neurologia e Stroke Unit dell'Ospedale Niguarda di Milano

Piero Barbanti

Direttore dell’Unità per la Terapia e la Ricerca su Cefalee e Dolore dell'Istituto San Raffaele Pisana di Roma

Paola Boldrini

Membro della 12ª Commissione Igiene e sanità del Senato della Repubblica

Maria Teresa Bressi

Coordinamento nazionale associazioni malati cronici di Cittadinanza Attiva

Gianluca Coppola

Neurologo Ricercatore dell'Università Sapienza di Roma

Alessandro Giua

Vice Presidente di Ouch Italia

Lara Merighi

Coordinatrice Al.Ce. Group Italia

Gioacchino Tedeschi

Presidente eletto della Società Italiana di Neurologia (Sin)

Le opinioni e i contenuti espressi nell'ambito dell’iniziativa sono nell'esclusiva responsabilità dei proponenti e dei relatori e non sono riconducibili in alcun modo al Senato della Repubblica o ad organi del Senato medesimo.
L'accesso alla sala - con abbigliamento consono e, per gli uomini, obbligo di giacca e cravatta - è consentito fino al raggiungimento della capienza massima.
I giornalisti devono accreditarsi secondo le modalità consuete inviando un fax al numero 0667062947.